Il lago d’Arpy

2 ottobre 2013

In questi dieci anni sono successe tantissime cose: la laurea, una casa nuova, il matrimonio e la nascita di due stupendi bambini; il lavoro che desideravo e di cui parlavamo, la passione per la caccia, per le corse in montagne, le gare, lo scialpinismo e un grande tatuaggio di un geco…
Dieci anni, ma è come se fosse ieri. Sei costantemente nei miei pensieri, ogni giorno, giorno dopo giorno.

Quando parto all’alba con zaino e fucile a spalle e salgo più in alto che si può tra le mie montagne, le nostre montagne, ti sento più vicino. Proprio tra quelle montagne che circondano il lago d’Arpy, il nostro lago, lì mi sento bene, lì mi sento in tua compagnia.

Spesso penso a come sarebbe andata la nostra vita, se tu fossi ancora qui, se ci saremmo allontanati comunque per chissà quale motivo o se invece il Destino ci avrebbe offerto qualche altra soluzione.

E’ stato difficile andare avanti, è stato troppo difficile. Ma da lassù tu mi hai aiutato, standomi vicino e sostenendomi in ogni momento nero e cupo, insegnandomi a vivere in un altro modo, insegnandomi a pregare, insegnandomi a parlarti in ogni momento. Mi hai aiutato con tante piccole cose, casualità, fatalità forse, piccoli segreti che mi hanno sempre fatto sorridere…come la data presunta della nascita del mio primo bimbo, 2 ottobre 2008…e ne avrei molte altre da raccontare. Casualità, sì forse…

Ho letto quelle belle parole scritte da un Amico del bivacco che mi hanno fatto sorridere per un attimo. E’ proprio vero, probabilmente stai ridendo nel guardare cosa hai combinato stavolta, mi immagino il tuo sorriso e una tua battuta, impressi davanti agli occhi, come se fosse ieri che ti ho visto per l’ultima volta.
Penso che un giorno salirò anch’io al tuo bivacco, non posso non venirci, non posso farti troppo aspettare…

Era domenica 28 settembre 2003, quando, salutandoci, ci siamo dati un bacio,  l’ultimo.
Dieci anni dal tuo messaggio sul telefonino quel giovedì mattina “Buongiorno principessa, che bello, oggi finalmente ci vediamo”.

Parole, attimi che resteranno per sempre nel mio cuore, come tutto ciò che abbiamo vissuto assieme, fino a quel giorno.

Per sempre
Elena